Cascina Triulza ultima tappa lombarda

Milano - 10 Ottobre 2015

56di Valeria Schiavi

A Cascina Triulza, Padiglione della società civile, piccolo spazio d'ossigeno all'interno di Expo, la Carovana conclude il suo viaggio in Lombardia riuscendo perfino a passare i tornelli.

Nel padiglione di Cascina Triulza, (in collaborazione con Arci Lombardia, Arci e Libera Cremona) i ragazzi dei licei cremonesi, nell'ambito del progetto "Storie del nostro piatto. Le filiere del cibo e il contrasto alle agromafie", partecipano ad un laboratorio sul tema delle agromafie nell'ottica della contraffazione e speculazione sul made in Italy.

L'attenzione verte sui prodotti doc e dop presenti sul territorio italiano. Cerchiamo d'invitare gi studenti, in modo creativo, a saper distinguere fra prodotti doc e prodotti contraffatti, inventando brand di prodotti contraffatti ed esasperando i vari stereotipi della "Bell'Italia" (il brand più apprezzato é "Mozzarella Giotto"); il ragionamento si sposta poi sulla filiera produttiva che vede compromessi i diritti dei lavoratori e l'utilizzo di scarti alimentari nella lavorazione.

La lotta alle agromafie parte dal consumatore che grazie a scelta di mercato consapevole s'indirizza su un prodotto etico. L' organizzazione criminale che gestisce il mercato alimentare sia italiano che d'import/export sarà anche il tema dello spettacolo conclusivo, con il quale si cerca di raccontare la filiera di produzione e di controlli.